il Secondo Atto di SECOND LIFE

C'era una volta Second Life.
In questo modo decidono di esordire gli autori dei tanti articoli che circolano (ancora) su questo mondo virtuale che ha lasciato un segno molto importante per il modo in cui tutti noi approcciamo oggi ai social network. Se non con queste esatte parole, il concetto e' più o meno sempre lo stesso. In modo spesso approssimativo si "racconta" e basta, qualcosa che viene considerato ormai chiuso, superato, praticamente finito.
Eppure e' stata proprio Second Life a "seminare" quanto poi raccolto da quello che e' diventato il "colosso" di Facebook.
Quando nacque la realtà virtuale e interattiva di Second Life, in cui gli "abitanti" potevano incontrarsi e socializzare davvero, anche se con il tramite di un Avatar, Facebook non esisteva ancora, o forse era  in una fase embrionale.
Quando (nel 2007) questo universo parallelo divento' popolare anche in italia, (tanto che ogni rivista, ogni quotidiano cartaceo e online, ogni trasmissione televisiva, telegiornali compresi, sembrava che nn potessero fare a meno di parlarne, e sono stati scritti svariati romanzi ispirati ad esso), Facebook non era nemmeno lontanamente considerato. Il boom mediatico su second life sembrava inarrestabile, e la piattaforma virtuale veniva esplorata ogni giorno da milioni di utenti, non solo per motivi di intrattenimento, ma in certi casi per scopi professionali: tante aziende con brand di fama internazionale, così come avevano costruito un sito web, si facevano costruire ISOLE su Second Life, per promuovere le loro attività, con tanto di eventi, concorsi e quant'altro.
Personaggi famosi, cantanti, gruppi musicali del mondo reale avevano il proprio "Alter Ego" in questa piattaforma, e si esibivano "dal vivo" anche in essa, visto che questo mondo e' interattivo al 100% e ogni suo oggetto, edificio, paesaggio viene costruito dagli utenti che lo frequentano, secondo i propri gusti ed esigenze, e la grande versatilità tecnica che lo contraddistingue permette anche di mettere in scena opere teatrali, concerti dal vivo, o "proiettare" film in sale cinematografiche. Non ASTA: come il mio Alter-Ego/Avatar (Loren Merlin) ha ampiamente sperimentato, diventando uno dei pionieri italiani in questo settore (il MACHINIMA), in Second Life si potevano REALIZZARE FILM dando il massimo sfogo alla propria fantasia e a virtuosismi tecnico/estetici di ogni sorta. L'arte e la cultura avevano la propria rappresentazione virtuale in second life, grazie alla ricostruzione di opere d'arte molto note e addirittura interi Musei (come ha dimostrato il lavoro incessante di Marina Bellini), riportando elementi storici e concreti in un ambiente fantastico, dando loro modo di esprimersi in una luce "altra" ma altrettanto suggestiva, e soprattutto ispirando le persone ad esplorare tali opere nel mondo reale.
E per chi voleva solo fruire di questo mondo, senza una partecipazione necessariamente "creativa", c'era sempre la "ghiotta" occasione di comunicare con chiunque gratuitamente, sia in chat sia a voce, in qualsiasi parte del mondo si trovasse. Ora questa cosa della comunicazione gratuita e' diventata molto più "scontata" essendosi moltiplicati nel corso degli anni, i metodi per fruirne. Inoltre l'uso di Second Life era possibile solo con strumenti ritenuti "tecnologicamente avanzati" dalla media degli utenti italiani in quel periodo: un computer (mac o PC) che avesse una buona scheda grafica, non meno di 4 GB di RAM e una connessione internet VERAMENTE VELOCE, non erano cose a disposizione di tutti: anche per questo Second Life e' stato SOPPIANTATO da Facebook, e poi da Twitter, WhatsApp ecc.
Il social network all'ennesima potenza, per quanto pieno di spunti creativi e artistici e opzioni per fare esperienze uniche e quasi "soprannaturali", era comunque destinato a far posto ai nuovi social network, molto più "basic", semplici da usare, alla portata di tutti e con qualunque dispositivo (anche con pica banda per quanto riguarda la connessione internet)!
Nel 2008 Facebook inizio' a diventare popolare anche in italia, e questo segno' la "sconfitta" sul piano mediatico, di Second Life. Improvvisamente la stampa inizio' a pubblicare solo notizie che parlavano degli aspetti negativi di Second Life, in favore della comodità e semplicità di utilizzo di Facebook, che offriva invece tutti i "pro" dell'interattivita' del web, del blog-posting, gli aggiornamenti, le notizie e soprattutto la LIVE-CHAT, in forma assolutamente gratuita. Da lì all'incredibile record di utenti nel mondo il passo e' stato breve. E con l'avvento degli SmartPhone e dei Tablet, con le applicazioni social annesse (con l'aggiunta di Twitter e di WhatsApp) e' giunto il colpo di grazia per una piattaforma virtuale come Second Life, così imponente e potente da non poter essere portata "a spasso" in un'App su iPhone e iPad!

Ma tutto questo, non significa affatto che Second Life sia morta o moribonda, anzi!! E' viva e vegeta, nemmeno un po' malaticcia, solo che se ne parla assai meno! Chi ha ben compreso il senso dell'esperienza "immersiva" in questo modo, chi non cercava solo un gioco fine a se stesso, o un qualche scopo necessariamente "tangibile", chi ha amato il semplice atto di poter fruire della fantasia di ogni "abitante" di questo mondo, delle sue opere che lo hanno costruito pezzetto per pezzetto, chi ha gioito di poter esprimere se stesso e la propria creatività senza alcun limite, ha sempre lasciato una porta aperta a Second Life, e continua a frequentarla proprio per questo!
Così come l'azienda che l'ha creata, la Linden Lab, non ha mai smesso di fare ricerca e sviluppo per fornire versioni sempre più aggiornate e complete di nuove funzioni, rilasciando periodicamente update del proprio software, che nel corso degli ultimi anni si e' arricchito di possibilità in modo sorprendente, al punto che chi, come me, non frequentava questo mondo da un po', non puo' che rimanere incredulo.
Un tempo, per personalizzare il proprio avatar, personalizzarne movimento e creare animazioni, era necessario "faticare" parecchio: motivo per cui i meno abituati all'uso del computer spesso si sentivano scoraggiati. Ora, in un istante si può cambiare aspetto, scegliendo tra avatar iper-caratterizzati in ogni dettaglio, già a disposizione e pronti all'uso nel software (tanto per fare un esempio).
Inoltre e GIUSTAMENTE, second life si e' adeguata al trend del momento, e anziche' fare "la guerra" alla concorrenza che le ha portato via un bel po' di "adepti", ha fatto in modo che fosse più facile usare i social network più famosi (come Facebook e twitter) direttamente dal mondo virtuale, postando commenti e foto senza dover uscire da lì! E' addirittura possibile scattare foto all'interno del suo mondo e poi "effettarle" con filtri in stile instagram, e poi postarle su twitter e Facebook.
E se non bastano questi indizi a dirvi che qualcosa di importante sta cambiando, a suggerirvi una collaborazione sempre più stretta tra social network, considerate le ultime notizie nel mondo tecnologico. Avete già sentito parlare del "PROGETTO OCULUS"? Si tratta di occhiali speciali (con la forma simile ad una maschera da SUB), che isolandoci dal contesto reale, e collegandosi al computer, ci fanno esplorare la realtà 3D a 360 gradi, come se stessimo realmente camminando e "vivendo" al suo interno. Ovviamente gli sviluppatori di Second Life, la Linden Lab, non poteva non notare gli importanti passi avanti svolti da Oculus in questo senso (per quanto il suo strumento non sia ancora in commercio, ma ancora in fase beta); pertanto e' stata recentemente realizzata una versione del software di Second Life compatibile con questi "occhiali virtuali", esclusivamente per l'utilizzo con gli "Oculus Rift".
Immaginatevi che esperienza dev'essere, visitare un MUSEO VIRTUALE, un'isola fantastica, sentendosi effettivamente al suo interno, osservandone oggi dettaglio da ogni possibile angolazione. Ma cosa c'entra tutto questo con l'integrazione degli altri Social network che ho appena citato, vi chiederete adesso? Ebbene, indovinate chi e' in trattativa per l'acquisto di OCULUS? Chi se non il colosso che ha anche acquisito Instagram e WhatsApp?? Ebbene si, parlo di Facebook! Facebook acquisterà OCULUS, generando così un nuovo segmento di un poligono molto interessante. Non sappiamo ancora se diventerà un triangolo o se avra' più lati, ma intanto provate a fare una sorta di equazione... Second life si e' in qualche modo legata ad OCULUS, creando addirittura un software specifico per il suo utilizzo, dopodiché FACEBOOK COMPRA OCULUS, la stessa Facebook che ha acquisito altre importanti e popolari forme di social network, dunque?? Se non e' pensabile un'acquisizione di Second Life da parte di Facebook (quantomeno per non snaturarla), e' certamente possibile una collaborazione, un legame più stretto tra i 2 social network che hanno segnato la storia tecnologica dell'ultimo decennio, dunque non possiamo fare a meno di pensare che in questo momento ci troviamo davanti al PRELUDIO DEL SECONDO ATTO DI SECOND LIFE: un'altra storia, o una STORIA "ALTRA" sta per avere inizio...

Tenetevi forte perche' noi saremo in prima fila per sperimentarla, spiegarvela, raccontarvela... Come sempre!
E per chi se lo stesse chiedendo: Second Life funziona già sul nuovo sistema operativo Mac, OS X Yosemite!!

QUANTO E' CAMBIATO (in meglio) Second Life

Se non avete mai avuto il piacere di viaggiare per i mondi virtuali di Second Life (per mancanza di tempo, banda larga, scheda grafica accettabile) questa e' l'occasione giusta per iniziare a prendere un minimo di confidenza con questa splendida piattaforma di comunicazione a 360 gradi... Comunicazione visiva, verbale, scritta, creativa... Senza il minimo limite all'espressività!
Proprio per voi in particolare, ho realizzato questo video esplicativo, presentandovi non solo degli esempi pratici di quante cose interessanti si possono sperimentare su Second Life, ma anche i vari aspetti che hanno rinnovato questa piattaforma, integrando in essa le funzioni che consentono di comunicare direttamente sui social network più famosi (Facebook, Twitter) direttamente dal mondo virtuale, senza uscire da Second Life, usando un semplice comando. Come vi abbiamo spiegato in un post di alcuni giorni fa, Second Life e' destinata a tornare presto alla ribalta, dopo un po' di anni che e' stata spodestata da social network più popolari e di più semplice utilizzo.
Se volete dunque capirne i motivi e provarne un piccolo assaggio, non perdete il video qui a seguire, e iscrivetevi al nostro CANALE YOUTUBE DEDICATO, MACHINIMA ITALIA.
Vi ricordiamo che Second Life e' ASSOLUTAMENTE GRATUITO, e l'abbonamento come utente premium e' facoltativo e il non farlo non preclude di fare esperienza al 100% dei mondi virtuali inclusi in questa splendida piattaforma.
Ulteriori info potete trovarle sul sito ufficiale di Second Life.

Buon divertimento!

Il fascino di Second Life colpisce ancora...

Per chi non lo sapesse ancora, dopo aver avuto un gran seguito con il blog che parla delle tecnologie innovative apple e non solo: applecaffe.net, abbiamo aperto un locale fisico, uno spazio reale scaturito da quello virtuale, un'associazione culturale in cui poter apprendere o sperimentare l'uso di queste nuove tecnologie (qui maggiori info). Durante uno dei vari corsi gratuiti che abbiamo organizzato, abbiamo chiesto ai soci intervenuti di esprimere le proprie preferenze per nuovi argomenti da trattare in un futuro incontro. Io immaginavo che avrebbero proposto un software specifico, qualcosa di piu' o meno recente o complesso da affrontare, e invece.... Mi chiedono di approfondire il discorso di facebook, imparare cos'e' twitter ecc. In effetti, molti di noi danno per scontato che il social newtork sia qualcosa di universalmente conosciuto o chiaramente comprensibile. Niente di piu' sbagliato: sono in molti a non essersi ancora mai affacciati in questo mondo, (e non necessariamente persone mature d'eta'). Per tanti motivi, mancanza d'attrattiva, mancanza di tempo, mancanza di voglia di imparare un linguaggio nuovo... Ora molte di queste persone si sentono quasi in dovere di fare questo "passo" e almeno iniziare a conoscere (se non proprio frequentare assiduamente) il mondo dei social network.
Cosi mi sono ritrovata a raccontare di quello che fu il primo vero boom tra i social network (nel 2006), prima ancora che Facebook spopolasse in tutto il mondo. Era un social molto piu' complesso del semplice spazio testuale di twitter, e piu' avventuroso della solita bacheca di facebook. Un mondo dove si usava non solo la vista, ma anche l'udito, potendo esplorare ogni dimensione di paesi creati dalla fantasia dei propri stessi abitanti, e conoscerne i residenti, parlando loro non solo tramite chat, ma colloquiando attraverso la propria viva voce, anche se per mezzo dei propri alter ego, gli avatar. Era Second Life, il mondo virtuale in cui io stessa fui conosciuta con l'identita' di Loren Merlin, la regista che con il sistema "Machinima" ha realizzato per 3 anni video e lungometraggi di cui si e' parlato anche in ambiente reale, in TV, sulla Rai. Il mondo Virtuale attirava ed entusiasmava quello reale, mescolandosi con esso e facendo sempre parlare di se'. Un mezzo di comunicazione multimediale all'ennesima potenza, la cui popolarita' venne offuscata solo con l'avvento di Facebook, che nella sua semplicita' di utilizzo (non richiedeva i requisiti tecnologici ultra avanzati necessari per Second Life) e nella sua velocissima diffusione, grazie al concept geniale di poter ritrovare i compagni di scuola e gli amici di un tempo, sposto' i riflettori quasi completamente su di se', spegnendoli (o quasi) da Second Life (che comunque esiste ancora, viva e vegeta).
Questa breve chiacchierata ha suscitato un interesse tale tra gli iscritti alla nostra associazione, che abbiamo deciso di organizzare al piu' presto un incontro per illustrare l'uso di questi sistemi, con particolare attenzione a Second Life.
Il fascino di Second Life ha colpito ancora....

Oltre la soglia, fra due mondi. O tre.

Il sogno di ogni lettore appassionato: immergersi nella storia al punto di trovarsi in quel tempo, in quel posto. Magari pure con quei personaggi, preferibilmente con i buoni, al limite con i cattivi, alla peggio con l'autore. Sarebbe un evento. 
E' proprio un evento, in effetti, perchè è quello che si realizzerà mercoledì 11 dicembre 2011, con la presentazione in SL del libro "Oltre la soglia" di Tito Faraci. Ammetto di non essere amante del genere horror et similia, anche se il libro in questione mi è piaciuto, interamente. La serata è presentata molto meglio da altri, primo fra tutti ImparaFacile Runo, che tra l'altro la organizza nella sua land alle 22.00, quindi non indugio e vi rimando ai link, tra cui quello notevole di Aliza Karu, che presenta l'allestimento a cura sua e di MarkWD Helendale. Ecco, partite da quello e capirete... Ritrovare l'ambientazione descritta nel libro, significa sentire gli stessi brividi provati durante la lettura e non solo per la storia, ma per le assonanze sinistre con una RL che presenta inquietanti sintomi di ADULTerazione... Non dico altro, faccio solo notare la particolarità di presentare un lavoro così in un ambiente così. Che cosa intendo? Ne parliamo dopo mercoledì.
Forse solo con Tito Faraci, noto sceneggiatore di fumetti prima che romanziere, un esperimento del genere poteva essere realizzato. 
O forse no. Allora, questa potrebbe essere una sfida da consegnare ai prossimi eventi. 


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le Cronache Virtuali anche in questa pagina.